Il docu-film

maria

È difficile descrivere le violazioni che ogni giorno i migranti centramericani subiscono durante il loro viaggio. Perché molte cose vi si intrecciano: criminalità organizzata, autorità e funzionari corrotti, povertà e miseria dei territori di partenza, tratta e traffico di persone, violenza, abusi, rapine e sogni infranti.

Per raccontarlo abbiamo scelto il docu-film Maria en tierra de Nadie (Maria nella terra di nessuno) che racconta la vita degli indocumentados, i migranti che ogni giorno tra abusi, omicidi e rapine percorrono la ruta del migrante, che dal Centro e Sud America porta alla frontiera con gli Stati Uniti.

Da novembre 2008 a novembre 2009 tre fotografi dell’organizzazione catalana di fotografia documentaristica Ruido Photo, un cronista del quotidiano digitale salvadoregno El Faro e la regista salvadoregna Marcela Zamora, hanno percorso “il cammino” con uomini e donne migranti originari del Centro America.

Da un fiume a un altro: dal Río Suchiate nel Sud, al Río Bravo nel Nord. Dai bordelli della tratta attorno a Tapachula alle sabbie del deserto di Sonora. Il progetto annunciava nel suo stesso titolo la metodologia di lavoro: nel cammino.

I giornalisti hanno viaggiato come clandestini sui treni, dormendo negli albergues per indocumentati, hanno vissuto la paura che generano gli Zetas (il noto gruppo di narcotrafficanti messicani) – ormai soli padroni del cammino, hanno percorso i sentieri lastricati di violenze, assalti e omicidi che giorno dopo giorno attraversano decine di centroamericani.

Il documentario ricostruisce in parallelo il viaggio di tre donne attraverso il territorio messicano: Inés, una salvadoregna di 60 anni alla ricerca della propria figlia, scomparsa 5 anni prima in Messico durante il viaggio verso il Sud degli Stati Uniti; Marta e Sandra, due amiche salvadoregne che, stanche di vivere in condizioni di violenza e povertà nel loro Paese, decidono di mettersi in cammino versi gli Stati Uniti con 30 dollari in tasca. Durante il viaggio ripercorrono tutti i possibili destini della figlia di Inés: prostituzione, schiavitù, violenze, rapimenti e perfino la morte.

Ha ricevuto il primo premio al XIII Festival del Cinema in Centro America Icaro e il premio del pubblico nella IV edizione del Festival Internazionale dei Cinema dei Diritti Umani a Città del Messico.

mariaentierradenadie_filmMARÍA EN TIERRA DE NADIE
di Marcela Zamora, 2010, 90 minuti

Scheda tecnica:
Regia: Marcela Zamora
Produttori esecutivi: Marcela Zamora, Edu Ponces, Oscar Martínez
Direttore della fotografia: Keren Shayo
Montaggio: Leopoldo Nakata
Suono: Gina Villafañe
Lingua: spagnolo
Sottotitoli: italiano

Annunci

2 thoughts on “Il docu-film

  1. Pingback: Sin Nombre

  2. Pingback: La Bestia e il crimine organizzato | Sin Nombre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...